Lettori fissi

mercoledì 17 agosto 2011

COUS COUS o PANZANELLA?


« E che ce vo’
pe’ fa’ la Panzanella?

Nun è ch’er condimento sia un segreto,
oppure è stabbilito da un decreto,
però la qualità dev’esse quella.

In primise: acqua fresca de cannella,
in secondise: ojo d’uliveto,
e come terzo: quer di-vino aceto
che fa’ venì la febbre magnarella.

Pagnotta paesana un po’ intostata,
cotta all’antica,co’ la crosta scura,
bagnata fino a che nun s’è ammollata.

In più, per un boccone da signori,
abbasta rifinì la svojatura
co’ basilico, pepe e pommidori. »

Intanto che cos’è la panzanella, è un piatto “povero” tipico della toscana e dell’Italia centrale, detto anche “panmolle”, usato per riutilizzare il “pan secco” e non buttarlo via. C’è chi la considera un antipasto, chi un primo piatto e chi un piatto unico.. a voi la scelta, dipende dalle quantità e dall’uso che ne fate, secondo me!
La Panzanella è una zuppa estiva contadina, povera e umile, ma dal gusto eccellente.
Di ingredienti semplici e di facile (all'apparenza) preparazione, tutto il necessario per la sua realizzazione si trova sempre in ogni casa o nel campo ed è adatto a qualsiasi tasca e fattibile da ogni massaia.
È a base di pane, ma di solo pane toscano (che è sciocco, cioè senza sale). Il pane deve essere raffermo: è, perciò, anche un utile piatto di recupero.
Per tutte queste ragioni, pur avendo origini fiorentine, si è diffusa subito in tutta la Toscana già dall'inizio dell'800, soprattutto nel senese e nell'aretino, diventando, per la sua fragranza, il piatto tipico dell'estate.

Prima vi do la ricetta tipica e la sua preparazione, poi vi dico la mia variante, provata per mancanza di pane raffermo in casa e subito amata moltissimo e che in casa mia ha oramai soppiantato la ricetta originale, anche perché con quel mangiatore di pane a tradimento dell’omo è difficile mi avanzi il pane, soprattutto in estate che già ne consumiamo poco..
La ricetta tipica prevede per 6 persone:
300gr pane casalingo raffermo – 3 piccole cipolle fresche – 3 pomodori maturi – 1 cetriolo
basilico – aceto – olio extravergine olive - sale

Preparazione:
mettere il pane tagliato a pezzi in ammollo in acqua fredda e aceto (poco) per mezz’ora, poi strizzarlo con le mani per farne uscire tutta l’acqua e ridurlo in briciole in una zuppiera.
Tagliare i pomodori, le cipolle e il cetriolo sbucciato, nelle dimensioni che più piacciono (io riduco tutto a cubettini minuscoli), unire tutto al pane con cinque o sei foglie di basilico lavate e spezzettate, sale e olio e mescolate delicatamente. Aggiungete altro aceto a piacere e far riposare un’oretta per amalgamare i sapori.
Servire a temperatura ambiente o fredda.

Io al posto del pane raffermo uso il COUS COUS.. perché come consistenza lo ricorda molto e perché mi piace la semola e perché d’estate lo trovo un ingrediente veloce, pratico e gustoso per molti piatti da gustare anche sotto l’ombrellone!
 La quantità di semola da usare dipende dall’uso, nel senso che se dev’essere un “piatto unico” considero 100gr a testa di cous cous crudo, se dev’essere un antipasto ne riduco la dose fino a 50gr a persona.
Considerandolo piatto unico, per 3 persone gli ingredienti sono:
300gr semola – ½ l acqua + 2 cucchiai rasi sale grosso – 3 pomodori maturi – ½ cipolla rossa -
¼ di cetriolo (perché a me non piace molto e lo metto solo agli altri) – olio, aceto*, sale, basilico

*= io utilizzo l’aceto balsamico, perché ritengo che sia meno acido e dia un sapore più dolce alla panzanella.. poi a ciascuno il suo!

Preparazione:
Versare la semola in una zuppiera e sgranarla con tre cucchiai d’olio con l’aiuto di una forchetta.
Far bollire acqua con sale e poi unirla alla semola un ramaiolo alla volta, finchè non l’abbia assorbita tutta, si sia gonfiata e cotta per bene. Unire l’aceto secondo i gusti, si deve sentire, ma non eccessivamente. Lasciare riposare e raffreddare.
Pulire i pomodori e tagliarli a cubettini
Sbucciare cetriolo e tagliarlo a rondelle o a cubettini.
Tritare la cipolla.
Unire il tutto al cous cous insieme al basilico ridotto in polvere (se usate quello secco) o spezzettato se fresco, quindi mescolare il tutto.
Aggiustare di sale, aceto e olio e lasciare in frigo un’oretta, tirandolo fuori circa 40 minuti prima di mangiarlo, dev’essere fresco ma non ghiacciato.

la voglia di cucinare inizia piano piano a ritornare.. ovviamente quando fa un caldo pazzesco e di accendere forno e fornelli non se ne parla proprio.. per cui devo inventarmi ogni giorno piatti freschi e veloci, che invoglino anche l'appetito.. insalate in primis!!!

2 commenti:

  1. Hai un blog carinissimo e ti seguo volentieri!
    Se ti va di dare un'occhiata al mio piccolo mondo,sei la benvenuta!Lo troviqui!

    RispondiElimina
  2. ho un po' di problemi con il blog.. e non riesco a postare altre cose.. che bellezza!!!

    RispondiElimina

ATTENZIONE

Copyright © Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione.