Lettori fissi

venerdì 18 febbraio 2011

LA FRITTATA DI RENATA

 questa ricetta è una di quelle che si tengono strette nella famiglia del mio compagno, che difficilmente apparirà su un libro di cucina o su una rivista, perchè probabilmente inventata di sana pianta da lei.. ma da quando l'omo s'è trasferito a vivere da me con lui sono venute anche le "ricette di mammina".. che da Santa donna romagnola in cucina sa il fatto suo.. tra tutte questa è la più particolare e quando l'omo mi chiese di rifargliele.. sgranai un paio d'occhi a padella e gli dissi subito "ma che sei sicuro?" perchè visti gli ingredienti uno pensa ad una cosa dolce, invece no.. è proprio un secondo piatto sostanzioso, ma delicato.. è vietato tralasciare ogni minimo ingrediente, che ne altera il sapore perdendo l'equilibrio fragile che ha questa ricetta.. che oggi ho deciso di condividere con voi perchè veramente particolare e speciale, ovviamente dopo aver chiesto il permesso e la liberatoria all'omo!!!
Ecco a voi.. la "frittata di Renata" che ovviamente è la mamma dell'omo!
ah! alla ricetta io ho fatto una modifica, con il beneplacit dell'omo che era un po' dubbioso, e ho aggiunto le nocciole tritate e tostate, per creare un contrasto morbido-croccante e dargli un tocco in più.. ha funzionato!

e con questa ricetta particolarissima partecipo al contest di Farina, lievito e fantasia "frutta in pentola" il perchè lo scoprirere leggendone gli ingredienti tra 5 secondi.. il tempo di postarli..
ingredienti:
4 uova
1 arancio (succo e scorza grattugiata)
15gr parmigiano
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
sale, pepe e noce moscata
7 nocciole tritate

ora ditemi anche voi se non avete sgranato un paio d'occhi tanto.. ecco appunto.. si tratta proprio di una FRITTATA ALL'ARANCIO..
preparazione:

Spremere  l'arancio e grattugiarne la scorza finemente.
Tritare le nocciole e tostarle in un padellino asciutto.
In una ciotola sbattere le uova con sale, pepe e noce moscata, aggiungere il parmigiano grattugiato, poi la scorza d'arancio e infine il succo d'arancio e mescolare bene.

In una padella antiaderente far scaldare un cucchiaio d'olio e rovesciarvi il composto.
Fatelo iniziare a rapprendere e poi mescolatelo continuamente con un cucchiaio di legno, in modo da "strapazzare" la frittata. Quando inizia a diventare tutto solido unire il prezzemolo fresco.

Cuocere in modo che la frittata resti abbastanza morbida, altrimenti inizia a rilasciare acqua.
Prima di servire spargere la granella di nocciole sulla frittata, senza mescolarla ulteriormente.
Servire calda con un'insalatina mista e tanto pane!!!
Devo dire che le nocciole tostate hanno reso il piatto ancora più goloso e saporito.. ben equilibrato!

la frittata di Renata

5 commenti:

  1. che buona, mi fai venir una fame.
    ciao

    RispondiElimina
  2. Effettivamente questa frittata è unica...da provare assolutamente!!
    Bacio

    RispondiElimina
  3. buonissima questa frittata, annoto subito!

    RispondiElimina
  4. dovete provarla.. e poi mi dite!!

    RispondiElimina
  5. mi ispira e mi stuzzica. proverò.

    buon week end!

    RispondiElimina

ATTENZIONE

Copyright © Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione.