Lettori fissi

venerdì 19 aprile 2013

RISOTTO ZUCCHINE E TÊTE DE MOINE

Conoscete questo formaggio?

si chiama Tête de Moine e viene dalla Svizzera..
ve lo racconto:
È nato più di 800 anni fa nel Monastero di Bellelay, è prodotto nel Giura svizzero ed è caratterizzato da una pasta semi dura dalla consistenza finissima e con intenso gusto aromatico.
La sua tipicità è che non deve essere tagliato, ma raschiato con un apposito strumento chiamato Girolle, in modo da ottenere delle rosette di formaggio.
Questo raschiamento modifica la struttura della pasta e il contatto con l'aria fa sprigionare tutto il suo aroma esaltandone il sapore.
Sui pascoli le mucche sono nutrite da primavera ad autunno con una particolare composizione di erbe aromatiche e in inverno con fieno. In questo modo il formaggio ha un inconfondibile profumo e insapore intenso e raffinato; sapore che è dato anche dall'ambiente in cui le piccole forme sono poste a stagionare, cioè cantine con alto tasso di umidità (90%), a temperatura di 13/14 gradi, su assi di abete rosso.
Solo 8 piccoli caseifici di montagna producono con lavorazione artigianale queste forme di Tetê de Moine, prodotte tutte con latte crudo intero non pastorizzato.
Nel 2001 il Tête de Moine ha ottenuto la DOP.

Detto questo vi racconto come l'ho conosciuto..
Nel 2009 ero a giro per le Langhe e ci siamo fermati a Bra proprio nei giorni in cui c'era il Cheese, la più grande rassegna di formaggi italiani, europei e mondiali che si tiene ogni due anni in questa splendida cittadina. Non vi sto a raccontare quanti formaggi ho assaggiato, in tre ore ero piena come un sorcio! Girellando per gli stands ho trovato anche quelli dei formaggi svizzeri e mi sono fatta dare un po' di gadgets, tra cui dei libriccini di ricette dedicate ai vari formaggi svizzeri e tra questi c'era anche il Tête de Moine.. sul momento rimasi perplessa e accantonai quel libretto perchè non lo avevo mai trovato a giro nei negozi.
Due anni fa al matrimonio di una mia cara amica, tra gli aperitivi trovai a fare bella mostra di s'è mezza forma di Tête de Moine nella sua Girolla.. molti invitati mi guardarono con sospetto quando mi ci avvicinai tutta contenta e iniziai a girare la Girolla x servirmi di un po' di formaggio e poi mi imitarono.. che bontà! Che sapore.. devo dire che si fa fatica a descriverlo perchè é tutto particolare, unico nel suo genere.. da provare! Inizialmente sembra quasi sciapo, poi si apre come un vino che ha preso aria e si spalanca un sapore deciso, ma non eccessivo (come puó essere il gorgonzola, Taleggio, pecorino stagionato), no è più soave.. BONO!
Dopo questa conoscenza non ho più avuto occasione di ritrovarlo, finchè la scorsa settimana al supermercato nonno visto lo stands dei formaggi svizzeri e, dopo essermici avvicinata, ho trovato le confezioni di  mezze forme di Tête de Moine con Girolla in plastica per servirlo.. che dire, vederle e metterne una nel carrello è stato un tutt'uno!

Ce la siamo gustato da solo, con affettati e in due ricette molto interessanti, una è questa:


RISOTTO DI ZUCCHINE
Ingredienti:
2 zucchine  -  1/2 cipolla - 200g riso per risotti - 500ml brodo - sale e pepe q.b. - olio EVO -
Tête de Moine q.b.

Preparazione:
Far soffriggere la cipolla in un cucchiaio di olio EVO fino a farla appassire ben bene, poi aggiungere le zucchine e farle stufare per qualche minuto.
Aggiungere il riso e tostarlo qualche minuto, poi unire il brodo caldo e cuocere per una ventina di minuti mescolando spesso.
A pochi minuti dalla fine della cottura del risotto unire qualche rosa di formaggio per mantecarlo, mentre altre le metterete a decorare il piatto al momento di servire.


1 commento:

  1. ottimo risottino....cremosissimo e molto goloso!
    bacione

    RispondiElimina

ATTENZIONE

Copyright © Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione.